Open menu

 

Carrello


Libro della Settimana

Tranquillo, fratello!

traduzione di Francesca Orlati

Collana: Dissensi

Pagine: 253

ISBN: 9788887583922

Prezzo: 15.00 

“Autentico, spiritoso e coraggioso” - The Times

Fu circa in quello stesso periodo che smisi di avere amici bianchi. Niente a che vedere con questioni razziali. È solo che abbiamo gusti musicali diversi. Alla maggior parte dei bianchi piacciono gli Oasis, i Coldplay e cagate del genere, si sa, musica che non ti richiede di alzarti in piedi e ballare: a loro piace quella stronzata di suonare la chitarra per finta. Noi amiamo l’R&B, l’hip hop e il reggae... Il nocciolo della questione è che la maggior parte dei fratelli bianchi che conosco non sa ballare, proprio come la maggior parte dei neri che conosco non sa nuotare.

Dalla cella del penitenziario di Pentonville nel quale è recluso, il ventitreenne Dennis Huggins ripercorre a ritroso la storia degli anni della sua adolescenza, anni che lo hanno portato dietro le sbarre: dalle prime ribellioni tra i banchi di scuola alla carriera di piccolo gangster della periferia sud di Londra, dall’amore per una ragazza ai pestaggi e alla necessità assoluta di vendicare la morte dell’amico del cuore.

Il romanzo Tranquillo fratello! è un ritratto crudo, senza retorica, ma spesso tenero e ironico, del mondo giovanile nella periferia di una grande metropoli: il protagonista, proveniente da una famiglia di origini giamaicane, deve confrontarsi con un universo di disagio e con un desiderio di risollevarsi che non conosce ostacoli e regole; deve cimentarsi con le difficoltà di relazione con altri gruppi etnici e religiosi; deve rivedere le sue scelte alla luce di un sentimento sincero per una coetanea.

Il reggae e l’hip hop fanno da colonna sonora a un romanzo scritto “con arguzia, vivacità e stile” e che “fa sorridere molto più di quanto faccia piangere. Ma fa anche commuovere: Wheatle mostra che ogni vita, anche quelle relegate ai margini, ha momenti di straordinaria bellezza” (The Book Bag – Five Star Review).

Recensioni

• «L’autore descrive nel dettaglio una realtà urbana che potrebbe riguardare chiunque, in qualunque città del mondo» (Courttia Newland, The Guardian)

• «Wheatle è già un autore conosciuto e premiato, ma ora ha fatto un salto di qualità come scrittore di serie A» (Independent)

• «Lo stile della scrittura è duro e terso ed ha quegli elementi della “poesia clandestina” che distinsero i romanzi di Raymond Chandler, elevandoli dal genere giallistico alla letteratura» (Suxy Ketnzer, Glitz Review)

Tranquillo, fratello! recensito da Giorgio Fontana sul Sole24Ore

Intervista di Alex Wheatle su D. Repubblica


Ti consigliamo anche...