Open menu

 

Carrello


Libro della Settimana

Ho una storia per te

Collana: Dissensi

Pagine: 176

ISBN: 9788896350225

Prezzo: 14.00 

Disponibilità: Buona

«Tutto sta nell’intendersi sul vero significato della parola partigiano» Beppe Fenoglio

«Mi sono affidato alla tua giovinezza quasi come a una impossibile occasione per rivivere ogni cosa dall’inizio. Un’idea folle, me ne rendo conto. Mi sono aggrappato a te per rifare in qualche modo il mio cammino; per essere ancora e sempre io con le mie passioni e con le mie scelte. In tutto uguale a me stesso. In tutto, tranne che in quello sparo».

Che occhi ha il passato? Quelli di Duilio Foresti, 80 anni, ex proiezionista di un cinema di quartiere, nome di battaglia Lupo. Ma anche gli occhi di Amedeo Biagianti, maresciallo dei carabinieri, vittima di un’imboscata dei partigiani. Gli sguardi dei due s’incrociano nell’istante successivo allo sparo che unisce i loro destini. L’esistenza stessa di Duilio si cristallizza a quel momento. Ora la sua trentennale amicizia con lo scrittore cinquantenne Pietro Mattei viene scossa da quella rivelazione, che sembra rimbalzare da uno dei tanti romanzi della Resistenza su cui Pietro si è formato. Ma questa è tutta un’altra storia, questa è “la vita nuda, tremenda, lacerante e meravigliosa, che a volte la scrittura coglie ma da cui, altrettanto spesso, protegge”.

Ho una storia per te è un romanzo emozionante su un periodo decisivo per le sorti d’Italia, una narrazione privata capace di svelare destini più grandi, legando la parabola di un’amicizia a quella più ampia di una nazione. E il testimone, alla fine, passa da una generazione all’altra, per permettere alla verità di diventare racconto «in questo tempo così infastidito dalla memoria, in questo Paese che rischia di allontanarsi dalle certezze che la Storia gli ha offerto».

Recensioni

«Attilio Coco scrive un romanzo avvincente che fa capire quanto
un’amicizia possa muovere le fila di un racconto» (la Repubblica)

«Lo stile liscio e scorrevole di una narrazione storica, uno stile anche
molto coinvolgente» (Fahrenheit RAI Radio3)

“L’odore della polvere da sparo” recensito su Le monde diplomatique- Il Manifesto.

“L’odore della polvere da sparo” recensito da Tullio Bugari.

“L’odore della polvere da sparo” recensito dalla Gazzetta del Mezzogiorno.

“L’odore della polvere da sparo” recensito da Suditaliavideo.