Open menu

 

Carrello


 = Eventi Libreria Spartaco

 = Eventi Edizioni Spartaco

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Una sera con Correre nel Grande Vuoto di e con Marco Olmo

luglio 19@19:00 - 20:30

Il Corriere della Sera lo definisce «un mito per gli appassionati dell’impossibile». Per La Gazzetta dello Sport, «Marco Olmo è una leggenda vivente della corsa estrema». Di sé lui dice: «Finché il corpo me lo consentirà, io correrò. D’altronde gli animali fanno così, corrono fino all’ultimo respiro. Ogni gara è come una nuova vita che vivo. Tutte le volte che si riparte da capo, si scoprono gli avversari, ci si riscopre dentro, e si riscopre anche ciò che si ha attorno. Il deserto, “il più bello e il più triste paesaggio al mondo”, non è mai uguale a se stesso. E sono sicuro che qualche altro deserto, qualche altro grande vuoto, ancora mi sta aspettando». MARCO OLMO si racconta nel libro “Correre nel grande vuoto” (Ponte alle Grazie) e incontra lettori e appassionati nella Libreria Spartaco, in via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere, venerdì 19 luglio, alle ore 19. La presentazione è promossa e organizzata in collaborazione con la Scuola Italiana Camminata Sportiva S.Maria Capua Vetere-Caserta di Fiorentino la Greca. Ingresso libero.

Lo scrittore e camminatore
Atleta italiano vincitore di numerosi ultratrail, Marco Olmo è considerato, nonostante abbia superato i 70 anni, uno dei più grandi specialisti delle corse estreme. È tesserato nel Asd Roata Chiusani. A 58 anni è stato campione del mondo vincendo l’Ultra Trail du Mont Blanc, la gara di resistenza più importante e dura al mondo: 167 chilometri attraverso Francia, Italia e Svizzera, oltre 21 ore di corsa ininterrotta attorno al massiccio più alto d’Europa. Nel 2009, in occasione del Campionato del Mondo Iau individuale di UltraTrail a Serre Chevalier, ha ottenuto un 14º posto in classifica generale e il 1º nella categoria veterani.

Il libro
Quello di Marco Olmo per il deserto è un amore che nasce più di vent’anni fa quando il corridore piemontese, all’epoca neppure cinquantenne, si è appena affacciato all’universo delle ultramaratone. È il 1996, infatti, quando Marco Olmo riceve la proposta di partecipare alla Marathon Des Sables, nel deserto del Sahara. Marco ha già visto il deserto, ma come un turista, dal finestrino di un’auto e con l’aria condizionata accesa. Ora invece ha l’opportunità di stare là fuori, a correre come già corre fra le montagne di Robilante, il paesino dove vive. Quella Marathon Des Sables è un successo, nella classifica generale si posiziona terzo, facendosi notare dal pubblico e dalla stampa internazionale, e il deserto gli entra dentro, cambiando il suo modo di correre. È da quel momento, infatti, che la sua specialità diventa la lunga distanza, da affrontare prima di tutto con una qualità che diventerà la sua cifra: la resistenza. In questo libro, Marco Olmo ripercorre oltre due decenni di gare nei deserti di tutto il mondo: da quello libico al deserto della Giordania, dalla terribile Valle della Morte in California fino alle zone desertiche dell’Islanda, passando per il deserto di sale della Bolivia, il Sinai e molti altri. Non si possono lasciare tracce nel deserto, Marco lo ha imparato in questi anni: una sola raffica di vento è sufficiente a farle scomparire dalla sabbia. Eppure ogni deserto ha lasciato in lui una traccia incancellabile, alimentando quell’amore di cui sono impregnate le pagine di questo racconto.

Dettagli

Data:
luglio 19
Ora:
19:00 - 20:30
Categoria Evento:

Luogo

Libreria Spartaco

 = Eventi Libreria Spartaco

 = Eventi Edizioni Spartaco