Open menu

IN EVIDENZA

Continuano le offerte su tutto il catalogo Spartaco. Spedizioni gratuite con una spesa minima di 40 euro. Buone letture a tutti!

Carrello


web_copertina2015 (1)-15%

L’odore della polvere da sparo

Pubblicazione: Giugno 2015

Collana: Dissensi

Pagine: 270

ISBN: 9788896350508

Prezzo: 11.00 € 9.40 €

Disponibilità: Buona

Quel 29 aprile del 1947 fu il giorno in cui ogni cosa ebbe inizio. Il confuso destino di un Paese. Un dramma per molti. La rivelazione per due ragazzi. E, intorno a loro, tutto come alla deriva in un mare di sangue.

Potenza è la prima tappa della vicenda in L’odore della polvere da sparo, che prende il via davanti alla prefettura un martedì di aprile del 1947. La polizia spara sulla folla scesa in piazza contro la fame e la disperazione che dilaga nelle campagne. Piove a dirotto e, nel vicino liceo classico, il professore Lodovico Marotta è nervoso, agitato, distante, mentre spiega un passo dell’Eneide. Il racconto di Gianni Ceccante, all’epoca studente timido e incerto e oggi affermato attore di teatro, comincia da quella matttina. A raccogliere le sue memorie è lo scrittore Pietro Mattei, che ricompone vite segnate da un brutto morbo, un focolaio che si diffonde a macchia d’olio anche fuori dai confini del Belpaese, subdolo, dalle mille facce. Gianni impara a leggere in profondità la realtà che lo circonda finendo per caso in una libreria, un covo libertario frequentato dal suo insegnante, ex confinato politico, e dal compagno di classe Diavolorosso. La nuova rotta lo porta a Roma. Una sera, mentre recita, i suoi occhi incontrano quelli di Alejandra, la Maga. L’esistenza della ragazza è segnata da ossessioni e paure, dettate da immagini che vengono da un futuro che insanguinerà l’Argentina, terra verso cui è attratta dall’amore per Victor e da un destino ineluttabile. Ma il fascismo è un cancro in metastasi anche in Italia. Mai domo, nemmeno quando la Storia ne certifica la fine. L’epilogo si svolge a Torino, dove Gianni spopola in teatro. Ormai non è più lui a raccontare. A tirare le fila è lo stesso scrittore Pietro Mattei che mette insieme gli ultimi pezzi del mosaico nel nome di Camillo Bentivenni, orologiaio e anarchico.

Recensioni

“L’odore della polvere da sparo” recensito da:

Recensione-Manifesto

 

 

 

 

 

 

 

 

“L’odore della polvere da sparo” recensito da La Lettrice rampante

“L’odore della polvere da sparo” recensito da Altroviaggio

“L’odore della polvere da sparo” recensito da Duende Quaderni, il blog della rivista Quaderni Ibero Americani.

“L’odore della polvere da sparo” recensito su Cinemafreeonline

“L’odore della polvere da sparo” recensito su Mangialibri

“L’odore della polvere da sparo” recensito su Chicchi di pensieri

“L’odore della polvere da sparo” recensito da Erika di Giulio su Medea


Ti consigliamo anche...