Open menu

 

«Questo libro è stata una piacevolissima sorpresa!». Due lettrici quasi perfette recensiscono "Fratello John, sorella Mary" di Marco Ehlardo.    Continuano le offerte su tutto il catalogo Spartaco. Spedizioni gratuite con una spesa minima di 40 euro. Buone letture a tutti!

Carrello


La canzone dell’immortale

Pubblicazione: 2 marzo 2017

Collana: Dissensi

Pagine: 160

ISBN: 9788896350621

Prezzo: 11.00 

Disponibilità: Ottima

L’Immortale non prova emozioni. Il Derivato ha perso l’ispirazione. Una canzone li salverà entrambi

«Se hai coraggio, fai qualcosa di veramente speciale per me. Crea, immortale, se ti è rimasto qualcosa da dire».

In un mondo trans-globalizzato, le persone sono considerate alla stregua di prodotti finanziari. Dalla categoria dei derivati di classe B – gente letteralmente alla deriva – si sale fino ad arrivare ai tripla A, esseri eterni, sempre giovani, menti superiori. È a questi estremi che appartengono i protagonisti del romanzo.

L’immortale racconta il suo tempo immobile, che viene rotto dall’insolita richiesta di una donna: «Scrivimi una canzone». Pur nella sua perfezione, egli si scopre incapace di mettere insieme parole e note, perché ha smarrito la sua umanità.

Sul versante opposto, un cantautore di scarso successo, uomo di classe B, vive il declino dei cinquant’anni ed è costretto a lavorare nell’Archivio Digitale Permanente, dove si scelgono le canzoni da perpetuare e quelle da cancellare definitivamente. Si sottopone quindi a una terapia psico-musicale per ritrovare la sua ispirazione e così incappa in un’amara sorpresa: durante una seduta ascolta un suo brano dimenticato, che risulta però depositato vent’anni prima.

La storia dei due finisce per convergere sulla figura di un misterioso cantore-poeta.

Il tempo e la musica che lo scandisce, da sottofondo, diventano colonna sonora portante di un libro che ripropone temi pressanti: l’incedere dell’età, la paura di invecchiare, la liquidità di sentimenti e passioni, l’amore, la noia del vivere quotidiano, l’affanno di apparire giovani e la necessità di restare bambini.