Open menu

IN EVIDENZA

Continuano le offerte su tutto il catalogo Spartaco. Spedizioni gratuite con una spesa minima di 40 euro. Buone letture a tutti!

Carrello


4 agosto 2017

7 agosto. Attilio Coco presenta ” L’odore della polvere da sparo” a Tramutola

Un’occasione di riflessione, un momento di condivisione, un’opportunità per confrontarsi con un romanzo che con uno stile elegante e una narrazione dal ritmo serrato ripercorre i momenti bui della storia italiana del dopoguerra  caratterizzati  dal morbo della violenza totalitaria, lascito culturale  del ventennio fascista. Nell’ambito del programma di eventi culturali patrocinati dal Comune di Tramutola, Pzlunedì 7 agosto 2017, a partire dalle 18:30, in Largo Vittorio VenetoAttilio Coco presenterà del romanzo “L’odore della polvere da sparo“, Edizioni Spartaco 2015.

Dopo l’indirizzo di saluto che il primo cittadino Francesco Carile rivolgerà al pubblico, il docente e scrittore lucano dialogherà con il vice presidente del “Circolo culturale Vicenzo Ferroni” Teresa De Noia.   Antonello Saiz della Libreria Diari di Bordo,  libreria indipendente nel pieno centro storico di Parma riconosciuta quale punto di riferimento per la letteratura di qualità in tutto il panorama nazionale, per l’occasione leggerà alcuni brano tratti dal libro.

Moderatrice del consesso sarà l’assessore alla Pubblica Istruzione e Servizi Sociali  Annamaria Grieco.

Per Enzo Di Brango sulle pagine di Le Monde diplomatique : «Attilio Coco è uno scrittore con le storiedentro′. Storie italiane che vivono dentro un habitat ideale, contrassegnato da un coerente antifascismo e un’atavica irratazione nei confronti di uno Stato che è uscito dal Ventennio senza alcuna soluzione di continuità».   « Romanzo colto dalla vita, che ancora respira, L’odore della polvere da sparo è una storia che vibra ardentemente di se stessa. Una meraviglia», scrive Erika Di Giulio per Progetto Medea.

Il libro

Potenza è la prima tappa della vicenda in L’odore della polvere da sparo, che prende il via davanti alla prefettura un martedì di aprile del 1947. La polizia spara sulla folla scesa in piazza contro la fame e la disperazione che dilaga nelle campagne. Piove a dirotto e, nel vicino liceo classico, il professore Lodovico Marotta è nervoso, agitato, distante, mentre spiega un passo dell’Eneide. Il racconto di Gianni Ceccante, all’epoca studente timido e incerto e oggi affermato attore di teatro, comincia da quella matttina. A raccogliere le sue memorie è lo scrittore Pietro Mattei, che ricompone vite segnate da un brutto morbo, un focolaio che si diffonde a macchia d’olio anche fuori dai confini del Belpaese, subdolo, dalle mille facce. Gianni impara a leggere in profondità la realtà che lo circonda finendo per caso in una libreria, un covo libertario frequentato dal suo insegnante, ex confinato politico, e dal compagno di classe Diavolorosso. La nuova rotta lo porta a Roma. Una sera, mentre recita, i suoi occhi incontrano quelli di Alejandra, la Maga. L’esistenza della ragazza è segnata da ossessioni e paure, dettate da immagini che vengono da un futuro che insanguinerà l’Argentina, terra verso cui è attratta dall’amore per Victor e da un destino ineluttabile. Ma il fascismo è un cancro in metastasi anche in Italia. Mai domo, nemmeno quando la Storia ne certifica la fine. L’epilogo si svolge a Torino, dove Gianni spopola in teatro. Ormai non è più lui a raccontare. A tirare le fila è lo stesso scrittore Pietro Mattei che mette insieme gli ultimi pezzi del mosaico nel nome di Camillo Bentivenni, orologiaio e anarchico

L’autore

Attilio Coco (1958, lucano) è insegnante di Italiano e Storia negli istituti secondari di secondo grado e critico cinematografico. Vive e lavora a Roma. Di critica cinematografica si occupa dall’inizio degli anni Novanta, prima sulle pagine lucane del Giornale di Napoli e, dal 1993, sulla rivista Segnocinema. Ha pubblicato saggi sui film non realizzati di Pier Paolo Pasolini, sul cinema italiano degli anni Novanta, sulle strategie attoriali di Clint Eastwood, sulle serie televisive americane, sul rapporto tra cinema italiano e mondo contadino.Docente presso il Mim (Master dell’immaginario) della Morris, Casini&Partners di Roma, ha pubblicato il volume Sguardi d’autore. Visioni e immagini cinematografiche della Basilicata (Pianeta Libro Editore 2000) sul cinema meridionale di Francesco Rosi e di Pier Paolo Pasolini. Ha scritto il saggio La passione di Cristo ovvero lo Spazio e il Tempo della Visione, apparso nel volumeIl cinema di Mel Gibson, curato da Fabio Zanello (Edizioni Il Foglio 2004). Ha collaborato al XII volume della Storia del cinema italiano, a cura di Flavio De Bernardinis (Marsilio – Edizioni di Bianco & Nero 2009). Cura un blog (www.attiliococo.blogspot.com) in cui parla di libri e della sua esperienza di lettore.

 

 

Etichette: Attilio Coco, L'odore della polvere da sparo, Potenza